Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Review

I funerali di Berlinguer e la scoperta del piacere di perdere, il rapimento Moro e il tradimento del padre, il coraggio intellettuale di Parise e il primo amore che muore il giorno di San Valentino, il discorso con cui Bertinotti cancellò il governo Prodi e la resa definitiva al gene della superficialità, la vita quotidiana durante i vent'anni di Berlusconi al potere, una frase di Craxi e un racconto di Carver...
Se è vero che ci mettiamo una vita intera a diventare noi stessi, quando guardiamo all'indietro la strada è ben segnalata, una scia di intuizioni, attimi, folgorazioni e sbagli: il filo dei nostri giorni.
Francesco Piccolo ha scritto un libro anomalo e portentoso, che è insieme il romanzo della sinistra italiana e un racconto di formazione individuale e collettiva: sarà impossibile non rispecchiarsi in queste pagine (per affinità o per opposizione), rileggendo parole e cose, rivelazioni e scacchi della nostra storia personale, e ricordando a ogni pagina che tutto ci riguarda. «Un'epoca - quella in cui si vive - non si respinge, si può soltanto accoglierla».

Title:Il desiderio di essere come tutti
Edition Language:Italian

Enjoy the book review !

    Some Testimonial About This Book:

  • OCCHIONELCIELO

    "Dateceli dai cinque ai dieci anni e saranno nostri per tutta la vita" Joseph De MaistreL'ho già scritto da qualche parte: dopo questa lettura considero Francesco Piccolo come una mia vita parallela:...

  • stefano

    Giudizio sintetico: che due palle questo libro.Giudizio elaborato (ma non troppo): che due palle questo libro. Perché per metà se ne va via raccontando altri libri, altre storie, altri film. Perché...

  • Sandra

    Nel corso della lettura e anche dopo mi sono chiesta: ma cos’è questo libro? Non è un romanzo di formazione, perché non rientra nella mia idea di romanzo; è un’autobiografia che racconta la fo...

  • Rosalba

    e 1/2 * Quel giorno mia madre mi ha passato qualcosa di definitivo, e io sono diventato, nella sostanza, malgrado tutti gli sforzi fatti in seguito, superficiale. Un grazie a Francesco Piccolo per ave...

  • Emanuela

    Di Francesco Piccolo avevo letto qualche articolo sul Corriere e regalato qualche libro. Questo è il primo suo che leggo, incuriosita dalla vittoria del premio Strega. Mi sono detta, se questa person...

  • Procyon Lotor

    L'apparenza.Certo che essere smodatamente ricchi e poter guardare le cose del mondo col distacco di un fantastiliardo e venti spirillioni di dollari è un gran vantaggio. Specie se si ha un passaporto...

  • Pierre Menard

    In questo libro a metà fra romanzo di formazione e saggio (auto)biografico, Francesco Piccolo oscilla continuamente: fra i genitori e gli zii, fra gli amici e le donne di cui si innamora, fra il cent...

  • SCARABOOKS

    Di Piccolo avevo letto "La separazione del maschio". Anche quello era dichiaratamente autobiografico. Mi era piaciuto molto. Lì, ha raccontato benissimo il Ground Zero del maschio, come dice Capoband...

  • ferrigno

    Piccolo racconta, da una prospettiva personale, il percorso che lo porta a superare la visione elitaria della politica e della vita (l'etica dei principi) verso una più accomodante etica della respon...

  • Alessandra

    ma questo libro non mi ha particolarmente convinta.Se l'idea di fondo, raccontare l'inscindibile legame tra pubblico e privato nella vita di Piccolo, narrandoci la sua storia d'amore con la politica (...